Home News Ricerca 2013: anno delle cellule staminali
2013: anno delle cellule staminali PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Giovedì 03 Gennaio 2013 10:45
Share

28dicembre 2012
Ricercatori hanno già iniettato con sicurezza cellule staminali in pazienti affetti da malattie neurodegenerative e hanno visto potenzialmente quanto le loro vite possano migliorare.


Nel 1998, quando furono isolate per la prima volta delle cellule staminali embionali, il The New York Times la definì una scoperta importantissima che in alcuni campi è diventata realtà anche se con molte controversie. . Dopo 15 anni ancora molte persone sperano nel miracolo
In ottobre 2012 il premio Nobel è andato a John Gurdon e Shinya Yamanaka, considerati i pionieri della medicina rigenerativa nel caso di Gurdon per scoperte fatte nel 1962, e Yamanaka, nel 2006.
In laboratorio le ricerche sulle cellule staminali hanno ottenuto importanti risultati : i primi dati su uno studio clinico alla UCLA sulle cellule staminali embrionali sono stati pubblicati alla fine di gennaio . In Settembre i primi dati sulle cellule staminali neuronali usate nel midollo spinale di pazienti di Zurigo sono stati presentati da StemCells, Inc, e in Ottobre la compagnia ha pubblicato dati di un secondo studio su bambini malati di un disturbo letale che colpisce la produzione di mielina nel cervello-  il primo a ricevere l'approvazione FDA a trapiantare cellule staminali neuronali su bambini, avvenuto nel 2006.

........
Tre dei 6 bambini trattati con le cellule sono mancati ma le autopsie hanno mostrato che le cellule staminali sono sopravvissute e hanno migrato nel loro cervello. Altri bambini hanno fatto dei progressi modesti e le loro cellule stanno creando nuova mielina .
.....
Sono piccoli risultati .

StemCells Inc. sta conducendo delle sperimentazioni più sicure all'Università di Zurigo in pazienti paralizzati con danni al midollo spinale. Di tre pazienti, due hanno riacquistato sensazioni nel punto danneggiato. I risultati verranno pubblicati all'inizio 2013 . (...)

fonte:  theatlantic.com

Traduzione a cura di Roberta Zin