Home News Ricerca Le «pinzette» anti-Alzheimer
Le «pinzette» anti-Alzheimer PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Domenica 18 Novembre 2012 10:33
Share

Scoperta una molecola a forma di pinza che impedisce la formazione nel cervello degli aggregati di proteine tossiche responsabili della principale forma di demenza senile

Il team di Claudio Grassi, direttore dell'Istituto di Fisiologia umana della Cattolica, insieme al gruppo di Gal Bitan della Ucla, ha individuato una molecola a forma di pinza, chiamata CLR01, che impedisce la formazione nel cervello degli aggregati di proteine tossiche responsabili della principale forma di demenza senile.
Queste "pinzette molecolari", auspicano gli scienziati, potrebbero risultare importanti nella cura della malattia di Alzheimer: "pizzicano" infatti le proteine tossiche che si accumulano nel cervello dei pazienti, e così facendo ne bloccano l'aggregazione, impedendo che avvelenino i neuroni. La molecola "anti-Alzheimer" è già risultata efficace in un modello animale di malattia (topi geneticamente modificati che presentano disturbi neurologici molto simili a quelli della malattia di Alzheimer): CLR01 si attacca alle proteine responsabili dell'Alzheimer, prevenendo e contrastando gli effetti neurotossici legati all'accumolo del peptide beta-amiloide, l'ingrediente delle placche che, alla lunga, "soffocano" i neuroni.

Leggi tutto l'articolo qui: corriere.it



Tags: Alzheimer  CLR01  
Ultimo aggiornamento Domenica 18 Novembre 2012 10:33