Home Risorse Paziente Il cesto di mele e le proteine disordinate
Il cesto di mele e le proteine disordinate PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Martedì 15 Marzo 2011 20:20
Indice
Il cesto di mele e le proteine disordinate
Non tutte sono cattive
Una cattiva influenza
Tutte le pagine
Share

I ricercatori di Standford studiano come le proteine malate si propagano da cellula a cellula, diffondendo potenzialmente la patologia neurodegenerativa.

Le proteine mal-trascritte o con struttura alterata (misfolded) raggiungono le cellule e formano accumuli recrutando le proteine normali. Questi accumuli sono associati alle patologie neurovegetative. Il biologo Ron Kopito, biologo di Standford ha scoperto che le proteina legate alla malattia di Huntington possono diffondersi da una cellula all'altra. La sua ricerca potrebbe spiegare come questo tipo di patologia colpiscono il cervello, ciò potrebbe portare allo sviluppo di una terapia farmacologica mirata alle proteine misfolded.

Una mela marcia è tutto ciò che basta per guastare un intero cesto di mele

Basta una mela marcia per guastare un intero cesto di mele. E una proteina misfolded potrebbe essere tutto ciò che è necessario per danneggiare le altre proteine, formando degli accumuli legati a patologie neurodegenerative incurabili come il morbo di Huntington, Parkinson e Alzheimer.

Il professor Ron Kopito ha mostrato che le proteine misfolded mutanti responsabili della malattia di Huntington possono muoversi da cellula a cellula reclutando proteine normali e formando accumuli in ogni cellula che visita.

Sapere che questa proteina trascorre parte del suo tempo fuori la cellula apre la possibilità per una terapia. Kopito studia come le proteine misfolded attraversano la membrana della cellula e il suo citoplasma, dove posso interagire con le proteine normali. Sta anche cercando di capire come queste proteine si muovono fra le cellule neuronali.

La capacità di muoversi da una cellula all'altra potrebbe spiegare come la malattia di Huntington si diffonde attraverso il cervello iniziando in una regione specifica. Meccanismi simili possono essere coinvolti nella progressione del morbo di Parkinson e alzheimer.

Kopito ha parlato della sua ricerca al congresso annuale dell'American Association for the Advancement of Science di Washington.



Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Ottobre 2011 16:42