Home Notizie Fermato lo studio sul Co-Enzyme Q10
Fermato lo studio sul Co-Enzyme Q10 PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Sabato 04 Giugno 2011 20:10
Share
Fermato lo studio sul Co-Enzyme Q10 per mancanza di prove sul rallentamento del Parkinson allo stadio iniziale. New York, NY - Jun 03 2011

Il 27 maggio 2011 il National Institute of Neurological Diseases and Stroke (NINDS) ha annunciato lo stop ad una grande sperimentazione fatta dal Parkinson Study Group (PSG) sui potenziali benefici nell'assunzione del coenzyma Q10 (CoQ10) nel ridurre la progressione nello stadio iniziale del Parkinson’s. Motivazione: un'analisi a metà percorso ha suggerito che non c'è miglioramento negli individui trattati con Coq10 rispetto a quelli trattati con placebo (compresse vuote) e che continuare col programma avrebbe avuto una scarsa probabilità di dimostrare alcun beneficio nell'uso del Q10 nel ritardare la pogressione del Parkinson.
Per questa ragione, la Data Safety Monitoring Board del programma ha raccomandato di fermare lo studio. (...) Per la comunità del Parkinson, medici malati e famiglie, è una notizia deludente. In un precedente e più piccolo studio, c'erano le premesse evidenti che le persone che assumevano CoQ10 in dosi di 1200 mg/giorno sembrava avessero il progredire della malattia rallentato. Infatti questo studio si era focalizzato sugli effetti del CoQ10 a dosi di 1200 e 2400 mg al giorno.Lo studio ha coinvolto 600 persone con stadio iniziale di Parkinson’s in 67 centri del Nord America. Christopher G. Goetz, M.D., Chair del PDF Medical Policy Subcommittee commenta:

“mentre un giudizio finale sull'efficacia delCoQ10 dovrà attendere una completa analisi sui dati e sulle recensioni, PDF si fida alle conclusioni che dicono non esiste evidenza che il CoQ10 riduca la progressione del Parkinson’s .

Le azioni intraprese il 27 maggio mostrano la vigilanza di NINDS e PSG nell'assicurare che le persone coinvolte nello studio siano ben informate durante tutto lo studio stesso, e immediatamente avvisate qualora ci siano eventi che evidenzino che il trattamento avrà una scarsa possibilità di succcesso.
“Le persone affette dal Parkinson che assumono CoQ10, che sentono di ottenere benefici , possono discuterne col loro medico anche in relazione a questa notizia e scegliere liberamente se continuare o no. “fortunatamente ci sono altre sperimentazioni in atto , e i farmaci impiegati sono diversi dal Coq10,

 http://www.pdf.org/en/science_news/release/pr_1306807909

 

Traduzione a cura di Roberta Zin



Tags: coQ10  psp  dcb  msa  
Ultimo aggiornamento Sabato 04 Giugno 2011 20:11