Home News Ricerca Un FANS per rallentare la PSP?
Un FANS per rallentare la PSP? PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Domenica 24 Luglio 2011 17:38
Share

"Anche se si sa poco circa l'eziologia della paralisi sopranucleare progressiva (PSP), si ritiene che i fattori genetici ed epigenetici, il danno ossidativo e l'infiammazione contribuiscano al suo sviluppo e / o alla progressione"

Di seguito un estratto dello studio condotto dall'Università di Louisville:

Espressione delle Citochine  e attivazione della microglia nella paralisi sopranucleare progressiva.

Fernández-Botrán R, Ahmed Z, Crespo FA, Gatenbee C, Gonzalez J, Dickson DW, Litvan I. Department of Pathology and Laboratory Medicine, School of Medicine, University of Louisville, Louisville, KY.

"Anche se si sa poco circa l'eziologia della paralisi sopranucleare progressiva (PSP), si ritiene che i fattori genetici ed epigenetici, il danno ossidativo e l'infiammazione contribuiscano al suo sviluppo e / o alla progressione"

L'evidenza del coinvolgimento della glia attivata nella  PSP ha sollevato la possibilità che le neuroinfiammazioni possano contribuire alla sua patogenesi

Per studiare la correlazione tra neuroinfiammazione e PSP, è stato condotto uno studio comparativo su dei modelli di espressione delle citochine in diverse regioni del cervello di pazienti PSP, Alzheimer (AD)   e normali.

I nostri risultati mostrano diversi pattern di espressione delle citochine per ogni tipo di malattia, l'espressione delle trascrizioni IL-1beta  è significativamente più alto nella substantia nigra dei pazienti PSP che in AD, mentre i cervelli AD avevano un'espressione IL-1beta nella corteccia parietale significativamente più alta se paragonata ai PSP

Inoltre, l'espressione di TGFbeta era significativamente più alta nelle aree corticali (in particolare i lobi frontali e parietali) dei pazienti alzheimer rispetto a quelli PSP.

Questi risultati mostrano una relazione topografica specifica della malattia tra l'espressione di alcune citochine (IL-1beta e TGFbeta), l'attivazione della microglia e i cambiamenti neurodegenerativi, suggerendo che queste citochine possano contribuire al processo patologico.

In tal caso, l'uso di inibitori delle citochine e / o altri agenti anti-infiammatori possono essere in grado di rallentare la progressione della malattia nella PSP.


fonte: pubmed.gov - PubMed ID #: 21741294

Traduzione a cura di Tonia Carnasale



Tags: PSP  DCB  MSA  
Ultimo aggiornamento Martedì 26 Luglio 2011 18:52