Home La malattia MSA Scheda per fisioterapisti sulla MSA
Scheda per fisioterapisti sulla MSA PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Giovedì 29 Marzo 2012 10:16
Share

Che cos'è l'Atrofia Multisistemica?

  • E' stata descritta per la prima volta nel 1960 come sindrome di Shy-Drager
  • malattia rara neurodegenerativa del cervello che colpisce più sistemi, in particolare sistemi nervosi motorio e autonomo
  • patologicamente classificata come sinucleinopatia (accumulo della proteina alfa sinucleina)
  • Sotto classificabile da 3 caratteristiche principali cliniche - Parkinsoniano, autonomo, e cerebellare:
  • MSA-P (parkinsoniano): degenerazione striatonigrale, implica parkinsonismo con un certo grado di disfunzione cerebellare
  • MSA-A (autonomo): sindrome di Shy-Drager, riflette una prevalenza di insufficienza autonomica
  • MSA-C (cerebellare): Atrofia olivopontocerebellare, indica principalmente i difetti con gradi minori di parkinsonismo
  • 3-4 casi ogni 100.000 persone
  • L'età media di insorgenza è di solito dopo i 50 anni
  • Più frequente negli uomini
  • l'aspettativa di vita è 7-10 anni dopo l'inizio dei sintomi
  • Nessuna cura o farmaci per rallentare la progressione della malattia

Segni e sintomi

  • rigidità
  • tremore - irregolare, a scatti, movimenti mioclonici
  • bradicinesia
  • Freezing di deambulazione
  • Instabilità posturale precoce e cadute
  • Ipotensione ortostatica
  • Disfunzione erettile
  • Disfunzione della vescica: urgenza, frequenza, incontinenza
  • Stipsi
  • Difficoltà di parola e deglutizione - disartria mista, tende ad emergere prima nell'MSA che nel Parkinson, è più grave, e peggiora più rapidamente
  • Disordine comportamentale REM (RBD) - agitazione durante il sonno a causa della mancanza di atonia
  • Atassia dell'andatura e degli arti
  • Movimenti nistagmoidi a scatti
  • Antecollis
  • Difficoltà di termoregolazione
  • Generalmente deficit cognitivo lieve

Strategie di trattamento

  • Educare il paziente e il caregiver sulla malattia

Per la bradicinesia e rigidità:

  • Levodopa e agonisti della dopamina possono aiutare inizialmente

Per l'ipotensione ortostatica:

  • Fludrocortisone, midodrina
  • Aumentare il sale nella dieta
  • Alzarsi lentamente e riposarsi dopo i cambiamenti di posizione
  • Calze di supporto
  • Sollevare la testa del letto
  • pasti piccoli e frequenti
  • Evitare troppo tempo in posizioni immobili
  • Evitare le temperature più calde
  • Evitare la manovra di Valsalva

Per ora del pasto:

  • postura eretta sulla sedia
  • ingoiare alternando cibo e liquidi
  • cibi più morbidi
  • Dispositivi adattivi per contribuire a rendere l'auto-alimentazione più facile e sicura
  • Per antecollis:
  • Stretching e posizionamento / tonificante
  • sedia a rotelle inclinabile
  • Botox spesso non utilizzato a causa della possibilità che si verifichino maggiori problemi di parola e deglutizione

Per l'andatura di tipo parkinsoniano:

  • Focus su passi ampi con gioco  del piede e del tallone adeguato


Insegnare a girare con sicurezza:   

  • Girare ad U in spazi aperti
  • Evitare i giri con  perno o incrociando un piede sopra l'altro per girare
  • Suddividere i compiti in piccoli passi

Dispositivi appropriati di assistenza:

  • Generalmente i deambulatori girevoli su ruote con freni funzionano bene solo nelle fasi iniziali

Per il freezing dellla deambulazione

  • Non "combatterlo"
  • Al primo segno - fai un respiro profondo e un passo ampio
  • Sposta tutto il peso su un piede per permettere all'altro piede di fare un passo ampio
  • Conta "1 e 2 e 3 ..." e poi fai un passo
  • sposta lateralmente il peso, e poi fai un passo in avanti
  • Immaginare di camminare su qualcosa per terra e poi effettivamente passarci sopra
  • Posiziona tutto il peso su una gamba mentre fai oscillare l'altra gamba avanti e indietro un paio di volte. All'ultima oscillazione in avanti, fai un passo

Altri consigli:

  • Educare il caregiver per le tecniche di assistenza
  • Adattare la casa
  • Esercizi terapeutici, esercizi per l' equilibrio e per la prevenzione delle cadute

 

fonte (pdf) psp.org

 

Traduzione a cura di Tonia Carnasale



Tags: MSA  fisioterapia