Home La malattia MSA MSA: misure palliative
MSA: misure palliative PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Mercoledì 14 Marzo 2012 15:28
Share

Non c'è ancora alcuna cura per l'MSA né alcun modo noto per rallentare la sua progressione, ma ci sono molti modi per ridurre la gravità dei sintomi e migliorare sia la qualità che la quantità della vita. Queste sono chiamate "misure palliative".

Trattamento antiparkinson: Molte persone con l'MSA che hanno rigidità degli arti e movimenti rallentati trovano che la carbidopa / levodopa, il farmaco principale utilizzato per la malattia di Parkinson, può aiutare quei sintomi. La durata e l'intensità dell'effetto del farmaco è di solito inferiore a quello che si riscontra nel Parkinson.

Pressione arteriosa bassa: Ci sono molti modi per trattare la pressione arteriosa bassa. Se si era soliti assumere droghe o limitare l'uso del sale per il trattamento di quello che un tempo era la pressione alta, queste misure potrebbero essere ridotte, ma solo sotto la supervisione di un medico.
I farmaci che possono aumentare la pressione arteriosa sono fludrocortisone (Florinef), midodrina (Pro-Amatine) e piridostigmina (Mestinon). C'è anche qualche altro farmaco che spesso vale la pena provare. Le misure non farmacologiche includono l'aumento della assunzione di sale e liquidi (se non ci sono problemi cardiaci o renali che renderebbero che rischioso), elevare la testa del letto mettendo quindici centimetri di rialzo sotto le gambe  e l'utilizzo di calze elastiche contentitive.
Problemi alla vescica: La necessità di urinare frequentemente può essere ridotta da farmaci che inibiscono il muscolo che svuota la vescica. Questi sono chiamati anticolinergici ad azione periferica e sono ampiamente pubblicizzati dai media popolari.

Stipsi: Questo sintomo nella MSA viene trattato come in qualsiasi altra caso. E 'meglio cominciare con emolliente delle feci (docusate, Colace) o lassativi leggeri contro la costipazione (Metamucil).

Deglutizione:Il modo migliore di trattarla è modificare le proprie abitudini alimentari nella scelta dei cibi e consistenze, attraverso  tecniche di masticazione e deglutizione. Questa situazione è meglio valutata da un  esperto / patologo della deglutizione e spesso accompagnata da studio della deglutizione al bario modificato, per valutare la capacità di deglutizione di cibi diversi.

In caso di gravi difficoltà di deglutizione che presentano un elevato rischio di "aspirazione" (il cibo va giù per il tubo sbagliato nei polmoni), un tubicino di gomma morbida può essere inserito attraverso la pelle dell'addome direttamente nello stomaco ("gastrostomia percutanea endoscopica" o "PEG "). Ma questo passo non dovrebbe essere preso alla leggera. Se si rende necessaria tale tecnica per evitare l'aspirazione, la famiglia, i medici e altri a disposizione devono consultarsi e analizzare la situazione con attenzione. Si potrebbe decidere che, mentre la PEG  prolunga la vita, la qualità di quest'ultima in quel punto della malattia si abbassa molto.
fonte: psp.org
Traduzione a cura di Tonia Carnasale


Tags: MSA  PSP  DCB  
Ultimo aggiornamento Mercoledì 14 Marzo 2012 15:29