Home La malattia DCB Cos'è la degenerazione cortico-basale?
Cos'è la degenerazione cortico-basale? PDF Stampa E-mail
Scritto da Tonia   
Venerdì 09 Marzo 2012 21:05
Share

La degenerazione cortico-basale è una malattia neurologica progressiva caratterizzata dalla perdita delle cellule nervose e  dall' atrofia (restringimento) di più aree del cervello tra cui la corteccia cerebrale e i gangli della base.

La degenerazione corticobasale progredisce gradualmente.
I sintomi iniziali, che in genere iniziano intorno i 60 anni, possono apparire prima su un lato del corpo (unilaterale), ma alla fine colpire entrambi i lati, con il progredire della malattia.
I sintomi sono simili a quelli riscontrati nella malattia di Parkinson, come la scarsa coordinazione, acinesia (assenza di movimenti), rigidità (una resistenza al movimento imposto), squilibrio (disturbi dell'equilibrio) e distonia degli arti (posture muscolari anomali).
Altri sintomi che possono verificarsi sono  disturbi cognitivi e visuo-spaziali, aprassia , parola esitante e zoppicante, mioclono (strappi muscolari), e la disfagia (difficoltà a deglutire). Un individuo con degenerazione cortico-basale alla fine diventa incapace di camminare.

Esiste una cura?

Non esiste un trattamento disponibile per rallentare il corso della degenerazione corticobasale, ed i sintomi della malattia sono generalmente resistenti alla terapia.

I farmaci utilizzati per trattare i sintomi della malattia di Parkinson non producono alcun miglioramento significativo o sostenuto.

Il Clonazepam può aiutare il mioclono. La terapia occupazionale, fisica, e la logopedia possono aiutare nella gestione della disabilità.

Qual è la prognosi?

La degenerazione corticobasale di solito progredisce lentamente nel corso di 6 a 8 anni. La morte è generalmente causata da polmonite o altre complicazioni di debilitazione gravi quali sepsi o embolia polmonare.

Cosa sta facendo la ricerca?

Le NINDS sostiene e conduce studi di ricerca sulle malattie degenerative come la degenerazione corticobasale. Gli obiettivi di questi studi sono di aumentare la comprensione scientifica di questi disturbi e trovare modi per prevenire, trattare e curare.

 

fonte: ninds.nih.gov

 

Traduzione a cura di Tonia Carnasale